Le Miniere di Zolfo del Nisseno

29 Ottobre 2016



Una azzardata “invasione-avventura”, per documentare fotograficamente la realtà “selvaggia” delle miniere di zolfo del nisseno, ammodernate nel dopoguerra ed abbandonate a se stesse perché antieconomiche, dove la ruggine regna sovrana e domina il silenzio, rotto dal fischiare del vento, dal cigolare delle lamiere o dal volo battuto, rapido di qualche rapace notturno spaventato dalla nostra intrusione. I “click” delle nostre macchine fotografiche, hanno violato la sacralità di questi luoghi. Mentre ero seduto sopra un masso mi investe un agre odore di zolfo portato dal vento e la mente corre all’inferno delle zolfare e degli zolfatari, al dramma dei “carusi” e della loro vita venduta (dai genitori) con il “soccorso morto”, alle tragedie ed ai morti di questi luoghi dell’ottocento e del novecento. Mentre lo sguardo osserva il panorama, dalla memoria affiora la descrizione ambientale del dramma “Gabrieli lu carusu” di Alessio Di Giovanni, il poeta delle zolfare:
>>> ‘Nfunnu, ‘na muntagna tutta a surfàri, cu cozza chini di ginìsi, cu carcarùna ca fùmanu, quarchi casuzza di firraru, e, ccà e ddà, li pirtusa dunni si scinni nni li pirreri. Nni lu chianu, palati di sùrfaru accatastati e munzedda di sterru. (…) Si senti, nni lu vasciu, lu scrusciu di li vaguna ca tòrnanu scàrrichi dintra a la pirrera; e, supra la muntagna, la vuci di li carusi ca carrïanu sùrfaru pi inchiri li carcarùna … <<< I “carusi”, dalla giovinezza rubata, sono sempre i protagonisti di questi luoghi anche nelle tragedie, come quella del 12 novembre del 1881 alla miniera di Gessolungo, quando un violento scoppio di “grisou” investì i minatori: 65 morti, tra loro 19 “carusi” dai 7 ai 14 anni. Nove di essi rimasero senza nome. Momenti di commozione e riflessione hanno accompagnato, davanti a quelle piccole croci, la nostra silenziosa visita al cimitero dove sono sepolti. I versi, sempre di Alessio Di Giovanni, ne fotografano l’esistenza: “Nni ‘na pirrera, lamenti di carusi, ddi lamenti ca pàrinu suspira, e ‘na prijera scura di morti.” Alfio Barca [/av_textblock] [/av_one_full] [av_one_full first min_height='' vertical_alignment='' space='' row_boxshadow='' row_boxshadow_color='' row_boxshadow_width='10' custom_margin='' margin='0px' mobile_breaking='' border='' border_color='' radius='0px' padding='0px' column_boxshadow='' column_boxshadow_color='' column_boxshadow_width='10' background='bg_color' background_color='' background_gradient_color1='' background_gradient_color2='' background_gradient_direction='vertical' src='' background_position='top left' background_repeat='no-repeat' highlight='' highlight_size='' animation='' link='' linktarget='' link_hover='' title_attr='' alt_attr='' mobile_display='' id='' custom_class='' aria_label='' av_uid='av-ade6j'] [av_masonry_gallery ids='1061,1062,1058,1059,1060,1055,1056,1057,1053,1054,1048,1051,1050,1052' caption_elements='none' caption_styling='' caption_display='always' size='flex' orientation='' gap='large' columns='flexible' av-medium-columns='' av-small-columns='' av-mini-columns='' items='24' paginate='none' color='' custom_bg='' overlay_fx='active' animation='active' container_links='active' id='' custom_class='' av_uid='av-k7t9vgk4'] [/av_one_full]